Truffa nel settore del trasporto pubblico locale

Guardia di finanza uomoI finanzieri del Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Trapani negli scorsi giorni hanno concluso le attività di sequestro preventivo nei confronti di un noto imprenditore di Castellammare del Golfo, responsabile legale dell'azienda affidataria del servizio di trasporto pubblico locale a favore della Regione Siciliana e del Comune di Favignana, in relazione ad una ingente truffa nel settore dei trasporti pubblici posta in essere in danno degli stessi enti. Il sequestro scaturisce da articolati accertamenti che hanno consentito di svelare una condotta fraudolenta che perdurava da almeno 6 anni e che aveva determinato un ingente danno al bilancio della Regione Siciliana e del Comune di Favignana incaricati di assicurare il trasporto pubblico urbano ed extraurbano in provincia di Trapani nonché quello urbano e scolastico nel comune di Favignana. I controlli hanno consentito di individuare numerose irregolarità circa il disimpegno del monte chilometrico contrattualmente previsto che avveniva grazie alla falsificazione delle attestazioni documentanti la percorrenza chilometrica delle tratte affidate, mentre nel caso delle linee urbane ed extraurbane della provincia di Trapani erano state addirittura apportate modifiche sostanziali al Programma di Esercizio senza il preventivo parere dell'Assessorato delle Infrastrutture e della Mobilità della Regione Siciliana, omettendo di fornire le informazioni comunque necessarie al corretto adempimento degli obblighi contrattuali previsti dalla legge nazionale e dal compendio regolamentare regionale. L'imprenditore è stato pertanto deferito dalle Fiamme Gialle trapanesi per il reato di truffa. Il Giudice per le Indagini Preliminari ha disposto il sequestro preventivo per oltre 534mila euro. In esecuzione di tale provvedimento i militari hanno sequestrato le disponibilità finanziarie dell'imprenditore, nonché un villino a Mondello ed un appartamento in centro a Palermo