Risto1
Risto
martedì, 18 giugno 2019
Ore: 00:58

Seguici su: Seguici su FacebookfootertwittericonIscriviti a RSSSeguici su Youtube

Striscia Risto menu1
PiedinoAPP

Libertà è partecipazione

Giulia1"La libertà non è star sopra un albero, non è neanche il volo di un moscone, la libertà non è uno spazio libero libertà è partecipazione." Giorgio Gaber, La libertà

Come rispondereste alla domanda "chi è colui che può definirsi libero?"; certamente molti diranno subito "colui che può fare ciò che vuole, esprimere le proprie opinioni, manifestare la propria fede e così via" ... invece non è proprio cosi. Se cosi fosse allora sarebbe anarchia o per lo meno la rasenterebbe, infatti una società senza regole è l'antitesi di se stessa; per capire meglio il significato di tale termine, allora, prendiamo in esame la frase di Gaber libertà è partecipazione: partecipare, filologicamente inteso significa "essere parte di ..." e quindi essere inseriti in un dato contesto. Libertà non è dunque dove non esistono limitazioni, ma bensì dove queste vivono in maniera armoniosa e, naturalmente, non oppressiva. Dove sta la libertà, allora? Innanzitutto comincerei affermando che la libertà risiede nel rispetto: rispetto per l'altro, per le sue idee, per la sua persona: se non ci rispettiamo vicendevolmente non otterremo mai un vivere civile e quindi alcuna speranza di libertà. La libertà è un diritto innegabile. Chi ha il diritto di stabilire quali libertà assegnare a chi? Pensiamo agli schiavi di ieri e , purtroppo, anche di oggi: perché negare loro le libertà? Il rapporto padrone-schiavo si basa (anche quello hegeliano del servo-padrone), sulla forza ed il terrore, terrore non dell'asservito ma del servito. Dall'Antichità al Medioevo, dal Rinascimento ad oggi gli uomini hanno sempre tentato di esercitare la propria egemonia sugli altri, secondo diritti divini, di nobiltà di natali, tramite l'ostentazione della propria condizione economica, falciando così in pieno il diritto alla libertà di alcuni. "Libertà è partecipazione", tale frase continua a ronzarmi in testa e mi sprona ad esortare: rispettiamoci per essere liberi... a tali parole mi sovviene la seconda strofa del nostro inno nazionale (di cui pochi, ahime, conoscono l'esistenza):"Noi fummo da secoli calpesti, derisi, perché non siam popolo, perché siam divisi. Raccolgaci un'unica bandiera, una speme: di fonderci insieme già l'ora suonò." "Uniamoci, amiamoci" Dignità, rispetto dell'altro, partecipazione, lievi seppur necessarie limitazioni: questi sono gli ingredienti per un'ottima ricetta di libertà. La libertà necessita di semplicità, non certo di pompose cerimonie: essa è bella come una ragazza a quindici-sedici anni (o per lo meno, rifacendomi allo Zibaldone leopardiano), tutta acqua e sapone e sempre con un sorriso gentile pronto per tutti. Forse è anche per questo che gli uomini raffigurano la Libertà come una giovane donna...!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Libro Marsala parla
Lat.libro
LateraleApp
GDS

  ALVIN nuovo

PM Grafica

  PROMO SHOP

LAT. KATIA ANIMAZIONE BAMBINI

    CASE eco intelligenti

 

 

 

Aaa RACCONTI PER UN VIAGGIO RXV1 laterale risorgimento
LateraleApp LateraleApp

COPERTINA Marsala Parla

Lat.libro

LateraleApp

Calendario Eventi

Ultimo mese Giugno 2019 Prossimo mese
D L M M G V S
week 22 1
week 23 2 3 4 5 6 7 8
week 24 9 10 11 12 13 14 15
week 25 16 17 18 19 20 21 22
week 26 23 24 25 26 27 28 29
week 27 30
Nessun evento
PiedinoAPP EURODENT Piedone PromoShop2