Risto1
Risto
giovedì, 25 aprile 2019
Ore: 19:43

Seguici su: Seguici su FacebookfootertwittericonIscriviti a RSSSeguici su Youtube

Striscia Risto menu1
Cantne Petrosino 2018

Teresa e Giacomo - III parte

Martina1In seguito Teresa diede dei nomi a quei piccoli uccellini, che giorno dopo giorno crescevano, pigolavano e cercavano di aprire le ali per spiccare il loro primo volo. Giacomo II era quello che stava sempre ai margini del nido, sempre più voglioso di sfidare la gravità dispiegando le sue ali; Teresa II era quella che stava sempre sotto l'ala della madre e non aveva ancora trovato il nome. L'altra, era la più piccola di tutti e non stava mai ferma, correva da una parte all'altra del nido pigolando continuamente alla ricerca di cibo. Teresa e Giacomo si divertivano moltissimo a cercare i vermi nel terreno, scavavano in profondità e stavano sempre attenti a lasciarne qualcuno nella fanghiglia, si portavano dietro un pezzettino di legno e con questo trituravano i vermi che poi porgevano agli uccellini, che cercavano di mangiare, anche se Silvia non lasciava ne a Giacomo II ne a Teresa II lo spazio per raggiungere il cibo. Giacomo ogni giorno ritornava a casa con la terra sotto le unghia, segno che stava davvero vivendola sua adolescenza, la stava trascorrendo con Teresa ed era davvero felice di questo.Quando camminavano avanti e indietro per il sentiero, parlavano di quello che avrebbero voluto fare in futuro: Lei voleva confezionare dei vestiti per gli attori in teatro, vestiti strani e buffi, pieni di fronzoli e simpatici che avrebbero fatto ridere la platea di persone che sarebbe stata seduta tra gli spalti. Giacomo invece sognava si studiare, studiare e studiare, voleva scrivere, dare nuove significati alle parole, fare in modo che la gente di cui scriveva venisse ricordata per sempre dai posteri. Lei, però, stava sempre peggio e Giacomo non lo notava perché lei era comunque bella, e la sua bellezza oscurava qualunque malattia. Ma la sua pelle diventava più bianca ogni giorno che passava, la sua tosse più stizzosa e si svegliava ogni notte, scossa da tremiti irrefrenabili e con i capelli impregnati dal sudore, che ad ogni alba risciacquava nel torrente. Una mattina Giacomo studiò di più del solito e se ne accorse solo perché all'improvviso il brontolio del suo stomaco gli fece ricordare che era tardi e che non aveva ancora sentito il canto di Teresa. Tese le orecchie, credendo di essersi concentrato troppo e di non aver sentito la musica per questo. Ma più si avvicinava al balcone, più il silenzio si faceva vuoto, freddo, assordante. Teresa non cantava. Scese le scale come se lo stessero inseguendo e appena arrivò giù suo padre era lì che batteva con dolcezza una mano sulle spalle di un vecchio signore, che piangeva lacrime amare, di rifiuto e disperazione, quando egli sollevò la testa e guardò Giacomo con occhi più scuri del mare in tempesta e i capelli neri che sprigionavano un alone di tristezza, capì di agre davanti il padre di Teresa. Continua..

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

COPERTINA Marsala Parla
Lat.libro
LateraleApp
GDS

  ALVIN nuovo

PM Grafica

  PROMO SHOP

LAT. KATIA ANIMAZIONE BAMBINI

    CASE eco intelligenti

 

 

Aaa RACCONTI PER UN VIAGGIO RXV1
LateraleApp LateraleApp

Gallery

COPERTINA Marsala Parla

Lat.libro

LateraleApp

Calendario Eventi

Ultimo mese Aprile 2019 Prossimo mese
D L M M G V S
week 14 1 2 3 4 5 6
week 15 7 8 9 10 11 12 13
week 16 14 15 16 17 18 19 20
week 17 21 22 23 24 25 26 27
week 18 28 29 30
Nessun evento
PiedinoAPP EURODENT Piedone PromoShop2