E Brexit fu: “God save the Queen e a nuàutri”

0
2
1brexit

2brexitAlle 00.00 ora italiana, 23.00 ora della Gran Bretagna del Regno Unito perché, è superfluo ricordarlo, esso oltre la stessa include, Scozia, Irlanda del nord, Galles, il Regno Unito uscirà dall’Unione Europea. Dopo l’adesione alla CEE, comunità economica europea, embrione o zigote dell’attuale UE di cui il bel paese è stato uno dei gameti insieme a Francia, Germania, Paesi Bassi, Belgio e Lussemburgo. Si raccontava, politicamente, il Regno Unito è fuori, sarà una hard exit o soft exit, aspetteremo il 31 dicembre 2020 per saperlo. I temi sui cui trovare un accordo tra UE ed UK sono delicatissimi: dazi, concorrenza, sicurezza alimentare, condivisione informazioni, fornitura gas ed elettricità, farmaci, brevetti, diritto di pesca. Trattasi ad oggi di una separazione, il divorzio avverrà a fine anno. Non sono mancati momenti commoventi, come quando nella seduta dell’europarlamento che ha sancito l’uscita, i parlamentari unendosi hanno cantato, Auld Lang Syne, inno della fratellanza conosciuto nello stivale come valzer delle candele del poeta e compositore scozzese Robert Burns. Now eleven months for the conditions of divorce, e si prospettano 11 mesi di “zucchine amare”. Stando ai rumors lilibetani e al consiglio comunale di Lilibeum, le zucchine amarissime le hanno mangiate i cittadini durante i cinque anni della sindacatura attuale… per il futuro, alle urne elettorali l’ardua sentenza. God save the queen e a nuàutri!   Vittorio Alfieri

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui