Dall’untore del Coronavirus agli untori di tutti i giorni…

0
15
1untore

2untoreCaccia all’untore. La pandemia Covid19, fortunatamente non è letale per tutti, s’intravede uno spiraglio, bisogna continuare a seguire i provvedimenti delle autorità sanitarie e forse questa esperienza negativa dovrebbe far riflettere sul fatto che la sanità non può essere delocalizzata a 10 regioni, di cui 3 a statuto speciale, compresa la Sicilia, in aggiunta a quella nazionale. Si è tentato disperatamente di trovare il paziente zero (untore) per ogni comunità , alcuni esperti lo indicano in un soggetto di un’altra nazione della UE. Anche gli abitanti di Marsala  lo hanno fatto, non tutti per fortuna, scatenando una caccia a dir poco vergognosa, soprattutto sui social . L’ emergenza finirà perché, come affermava Giovanni Falcone, “la mafia è un fenomeno umano e come tale avrà la sua fine”, quindi finirà anche il Coronavirus, riconosciuto dalla comunità scientifica universale di essere stato causato da un comportamento alimentare. Il diffondersi del Coronavirus dovrebbe insegnare che gli untori sono ovunque, quindi educare un tal senso. Ma esistono untori che contagiano anche in tempi “normali”. Quali? Quelli che evadono le imposte e riducono le risorse da destinare anche al Servizio Sanitario Nazionale, a cui va un plauso, ed oggi si presenta il conto con posti letto di terapia intensiva insufficienti e per ovviare alla carenza la Lombardia sta allestendo un ospedale provvisorio nell’edificio della fiera di Milano, che in 10 giorni creerà 400 posti letto di unità intensive e sub. Untori della disumanità, che respinge esseri umani che fuggono da guerre e carestie. Quelli del mancato senso civico, che nello smaltimento rifiuti pur di non pagare il servizio, depositano spazzatura ovunque e peggio ancora li bruciano causando danni enormi alla salute. Gli untori dei parcheggi selvaggi, degli occupanti i marciapiedi e gli scivoli con i mezzi di trasporto. Untori delle fake news che creano panico nelle persone più deboli. Untori dell’odio per i diversi, per i migranti, per gli omosessuali, per i politici. Gli untori della tuttologia. Questi untori esistono da sempre, possibile che sia questa la strada da eseguire? Untore (forse) anche per la scomparsa di Nicoletta Indelicato, oggi ricorre un anno dalla sua morte.

Vittorio Alfieri