Coronavirus; in Sicilia 14 positivi. Musumeci, serve più disciplina collettiva, non escludo misure restrittive

0
4
Provetta sangue1

Provetta sangueSono 14, quasi tutti asintomatici, i pazienti risultati positivi in Sicilia in base al report trasmesso dalla Regione siciliana al Ministero della Salute. Il numero maggiore di contagi si registra nel catanese, con 7 casi: cinque sono legati al cluster dell’hinterland etneo mentre altri due sono emersi in occasione dei tamponi effettuati nel pre triage per ricoveri in ospedale. Due positivi sono stati individuati a Messina grazie al contact tracing sulle persone entrate in contatto con i pazienti dell’Istituto ortopedico. Altri due positivi sono stati registrati nel ragusano tra i 108 migranti sbarcati ieri a Pozzallo. Infine un solo nuovo caso ciascuno si registra nelle province di Palermo, Trapani e Caltanissetta. Il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, a proposito degli affollamenti verificatisi negli ultimi giorni in molte città dell’Isola: “Salgono a 181 i positivi al Coronavirus in Sicilia. Un dato che ci impone di fare appello a una maggiore disciplina collettiva. Evitare gli assembramenti, usare la mascherina nei luoghi all’aperto frequentati, usarla sempre nei luoghi chiusi (tranne a casa propria), mantenere la distanza di un metro con persone non conviventi, l’uso di guanti e mascherina per gli operatori commerciali di generi alimentari (anche ambulanti). Tutto questo può costituire un piccolo fastidio, ma ci dà un grande aiuto nel tenere bassa la probabilità del contagio. Confidiamo perciò nel senso di responsabilità di ognuno -soprattutto dei giovani – e nella accurata vigilanza delle Forze dell’ordine. Vorremmo evitare di adottare nei prossimi giorni misure restrittive, ma non ci sentiamo di escluderle”.