Si salvi chi può

0
2
1Palazzo Finanze

2Palazzo Finanze“È una guerra di odio, uomo contro uomo, cristiani o no, è la cosa peggiore che il genere umano possa fare”. Pensiero dell’immenso regista cattolico, deceduto, Ermanno Olmi, i cui capolavori assoluti sono, “La leggenda del santo bevitore” tratto dal racconto omonimo di Joseph Roth, e “L’albero degli zoccoli”. Il cineasta non errava, e il tempo di pandemia lo ha confermato, anche quando il presidente della regione Liguria Giovanni Toti affermò in un tweet: “Per quanto ci addolori ogni vittima del #Covid19, dobbiamo tenere conto di questo dato: solo ieri tra i 25 decessi della #Liguria, 22 erano molto anziani. Persone per lo più in pensione, non indispensabili allo sforzo produttivo del Paese, che vanno però tutelate”. Giovanni Toti presidente della regione, e non governatore, ma l’esterofilia italica è ben nota, giornalista, ex consigliere politico di Silvio Berlusconi, non solo non deve scriverlo, ma neanche pensarlo, perché sarebbe la moderna selezione della specie di Darwiniana memoria, citando il biologo “sopravvivenza del più adatto”. Una precisazione: il concetto del britannico avviene prima per genotipo poi successivamente con il fenotipo. Quello Totiano odora di neoliberismo economico e questo è il pensiero espresso da una persona della classe dirigente politica. Poi ti affacci sui social e leggi questo post: “Il Mef starebbe valutando di far slittare le tredicesime dei pubblici dipendenti ad aprile 2021, per mancanza di fondi.       Vittorio Alfieri

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui