32.7 C
Marsala
mercoledì, Giugno 29, 2022

La libertà di scegliere

Must read

Oreste ritiene che gli uomini siano “condannati alla libertà”, cioè che non abbiano scelto di esistere né di essere liberi, ma che tuttavia lo siano e soprattutto che, essendo liberi, essi siano totalmente responsabili delle proprie azioni, non potendo attribuirne la colpa a leggi o norme altre rispetto a sé. Chi esprime il pensiero è un personaggio immaginario della mitologia greca che, con il sostegno della sorella Elettra, realizza l’omicidio della madre Clitennestra, colpevole di avere ucciso il padre Agamennone e di essere l’amante del cugino dello stesso, Egisto. Il concetto di Oreste attraverso la mano di Eschilo è condiviso da uno dei maggiori esponenti dell’esistenzialismo J.P. Sartre. L’Ucraina può essere Oreste e come tutti noi non ha chiesto di nascere, è stata generata ma non dai russi, anzi è accaduto al contrario con la Russia di Kiev. Erano liberi gli avi degli ucraini, probabilmente felici della pena che, nel tempo, i mongoli, gli ottomani e lo zarismo hanno raccontato di averli liberarti per donare loro una sorte migliore. Idem con Putin, che ha promesso il paradiso della denazificazione e volendo credere alla storia raccontata dai moscoviti l’Ucraina/Oreste vuole uccidere la Madre Russia/Clitennestra, non ci riuscirà ma desidera quella piacevole condanna alla libertà che è l’autodeterminazione.

Vittorio Alfieri

Ultimi articoli