11.3 C
Marsala
mercoledì, Febbraio 1, 2023

Guerre e assolutismi, quando l’odio è il comune denominatore

Must read

La fatwa.È una sentenza su questioni riguardanti il diritto islamico, noi italiani probabilmente non conoscevamo il “responsa” ma l’uso restrittivo fu introdotto nel linguaggio dei nostri media in riferirimento alla condanna a morte in contumacia pronunciata nell’anno 1989 dall’Ayatollah Khomeinī, guida teologica-politica iraniana della corrente non ortodossa dell’Islam, la sciita, avverso lo scrittore indiano Salman Rushdie, ritenuto reo di sacrilegio verso la religione musulmana per il suo controverso romanzo, I versi satanici. I due protagonisti musulmani simboleggiano l’eterna lotta tra il Bene e il  Male, è presente anche una punta di sarcasmo in opposizione all’integralismo. Nei giorni scorsi lo scrittore indiano, dopo 33 anni, senza voler essere blasfemi, di ritorno gli anni di Cristo, è stato aggredito e accoltellato a New York durante una conferenza. L’assalitore Hadi Matar, un ventiquattrenne, neanche era nei sogni dei suoi genitori all’uscita del manoscritto-1988- e la guida spirituale che l’ha emessa morì dopo alcuni mesi, di Fairview, New Jersey, ha pubblicato su Facebook numerosi post a sostegno dell’Iran e dell’Islam sciita. Pur non conoscendo al momento le motivazioni, il dubbio che abbia agito in esecuzione della disposizione, che è sempre valida, ha pervaso il globo terracqueo. L’humus in cui è cresciuto l’aggressore forse è l’odio, sentimento indubbiamente Massimo Comune Denominatare di tutti gli assolutismi. L’impulso dell’anima è presente allorquando si verifica l’inesistenza del senso civico, sporcando la città, quando non si rispettano le regole basilari della convivenza garbata. Oggi è festa nazionale d’indipendenza in Ucraina, siccome a 6 mesi dall’invasione russa la società è stata pervasa daĺl’assefuazione, che equivale alla morte civile, si vuole rammentare la fatwa in senso lato sull’aggressione.

 Vittorio Alfieri 

Ultimi articoli