27 C
Marsala
lunedì, Aprile 15, 2024

Consiglio comunale di Marsala: narrazione di una realtà che, però, è ben diversa…

Must read

Seduta del Consiglio comunale di Marsala di martedì scorso dedicata alle interrogazioni a giunta e dirigenti. Per narrare ciò che è accaduto basterebbe ricorrere alla filosofia dell’idealismo, ossia che la realtà sia frutto del pensiero, negando l’esistenza del tangibile e probabilmente soprattutto nella componente di Fratelli d’Italia facendo riferimento al castelvetranese Giovanni Gentile, nell’accezione monistica. Attenendosi ai fatti, Ferrantelli evidenzia che non c’è ancora stato l’attacco alla rete fognaria dei lidi sul versante sud. Martinico solleva interrogativi sulla sicurezza stradale, per lo stato del manto stradale, i semafori e l’illuminazione lungo la via Mazara, denunciando di sentirsi derisa per il suo modo di esprimersi, ma la si rassicura che non c’è alcun Demostene all’orizzonte. La Milazzo interroga sul decoro urbano, la sicurezza, l’illuminazione, l’emergenza idrica, la situazione degli impianti sportivi, sul lungomare Boeo e se la facoltà di enologia tornerà a Capo Boeo.Coppola chiede sul destino di Marsala Schola, del nuovo piano rifiuti in scadenza nel 2025 e del trasporto pubblico. Genna critica il fatto che alla Bit neanche la settimana Santa venga sponsorizzata. Di Pietra evidenzia che i turisti hanno difficoltà a trovare accoglienza, eventi e servizi, lamentando inoltre l’assenza di un catalogo digitale e che la brochure è solo in lingua italiana, in compenso allo stand di Marsala sono stati trovati tagliancozzi e vino liquoroso. Orlando denuncia la mancanza di un piano traffico e parcheggi, l’assegnazione del monumento ai Mille, la carenza di bagni pubblici e interroga sull’edilizia scolastica. Poi ci sono le considerazioni politiche. Ferrantelli accusa il sindaco di mancare di rispetto ai partiti che l’hanno votato e successivamente disconosce l’assessore Tumbarello, in quota MPA. Rodriquez, in modo sintetico, chiede al primo cittadino di dimettersi. Di Girolamo invita il sindaco a completare la squadra assessoriale. Genna esprime soddisfazione per l’amico Bica, nuovo deputato regionale di FdI, ma solleva preoccupazione riguardo alla possibile uscita di FdI dalla maggioranza.

Vinci rimprovera Tumbarello, definendolo uno dei migliori dirigenti ma inadeguato come assessore. Sui quesiti inizia con il rispondere il dottore Frangiamore: per i semafori sulla via Mazara sta avvenendo la sostituzione integrale, sulla via trapani manutenzione degli stessi, la fine dei lavori avverrà entro 3 settimane, sull’illuminazione; espletata la gara per 150mila euro in attesa dell’inizio lavori. Idem 450mila euro per la manutenzione stradale dopo il nuovo appalto. L’Assessore Tumbarello sostiene che l’emergenza idrica è dovuta alla vetustà dell’impianto, proponendo come soluzioni “un dissalatore e un depuratore”, l’attacco alla rete fognaria previsto entro l’estate. Agate interviene sulla Bit, esprimendo soddisfazione per il lavoro svolto nel promuovere il brand Marsala e riferisce dei commenti positivi dei visitatori sulla pulizia della città. Bilardello si dice contento per la condizione degli impianti sportivi, dallo stadio Lombardo-Angotta, palazzetto dello sport fino alla piscina comunale-chiusa-per il finanziamento ricevuto. Grillo critica l’eccesso di polemiche durante le interrogazioni e il disfattismo espresso. Invita i partiti a risolvere i dissidi interni e cita “FI e la Dc”. Ricorda che la Nuova FUA, Agenda Urbana Funzionale, riceverà 31 milioni di euro e si ritiene soddisfatto per il PNRR ottenuto. Infine, il sindaco afferma che la sua amministrazione non è fallimentare, ma ha affrontato una situazione disastrosa. Quattro dirigenti presenti non coinvolti: Mezzapelle, Angileri, Quartaro e la Basiricò, così come l’assessore e consigliere comunale Gerardi.

Si è tornati in aula giovedì 22 febbraio ed è stato trattato solo un provvedimento, ossia l’approvazione del regolamento edilizio comunale, ma dopo un acceso dibattito-perifrasi- tra l’assessore al ramo Tumbarello e il presidente della commissione urbanistica Vinci, vicepresidente Di Girolamo e componente Passalacqua, tutti e tre tecnici della materia a vario titolo, sul chi doveva fare cosa quando e come, c’è stato l’intervento del dirigente di settore Ingegnere Mezzapelle. Quest’ ultimo ha riferito di aver scritto a tutti gli ordini professionali per ricevere suggerimenti nella redazione dello strumento, l’unico ad averlo fatto è quello degli ingegneri della consulta regionale, che ha dato parere tecnico favorevole sul 90% delle modifiche proposte dalla commissione consiliare competente, che ha inviato il testo definitivo, adesso al vaglio dello stesso Mezzapelle. L’assise è convocata il 29 febbraio alle 16.

Vittorio Alfieri

 

 

 

 

 

Ultimi articoli