Fede e verità, un binomio possibile?

0
10
unnamed 3anteprima

unnamed 3anteprimaPer Nietzsche “la fede significa non volere sapere il vero “. L’aforisma del filosofo tedesco è tratto dal saggio “La gaia scienza” scritto dallo stesso, il cui contenuto è composto solamente di massime. Il fine delle stesse è l’espressione di un principio.


unnamed 3Per Nietzsche “la fede significa non volere sapere il vero “. L’aforisma del filosofo tedesco è tratto dal saggio “La gaia scienza” scritto dallo stesso, il cui contenuto è composto solamente di massime. Il fine delle stesse è l’espressione di un principio. La fede quella che ha più adepti è la religiosa, quella più numerosa  la cristiana: il 50% cattolici, con 2,3 miliardi di anime su 7,5 nel mondo, quasi uno su tre. Un’altra monoteista, la musulmana, ne conta 1,95. È innegabile che la cristiana dinnanzi a quesiti complessi  pensi “perché esiste il male?”. La risposta è il libero arbitrio. E’ indubitabile, ma non è vero quando asserisce che la vita è un disegno di Dio e la fede è un dono. Il concetto “giustificazione per fede e opere” concilio di Trento docet e “giustificazione per sola fede ” Martin Lutero dixit. I cristiani obietteranno che si semplifica, si replica che la fede deve esserlo, ma si comprende essa come un dono. L’islam cerca la verità nei 5 pilastri: la testimonianza “non c’è altro Dio fuorché Dio e Muhammad è il suo Profeta”, le cinque preghiere quotidiane, il pagamento dell’imposta coranica, il pellegrinaggio alla Sacra Casa cioè a La Mecca; il digiuno del mese di Ramadan. Maometto è il profeta, Gesù il Salvatore, entrambi messaggeri di Dio. Alle due si aggiunge l’ebraismo nelle monoteiste. Poi Induismo, Buddismo e Confucianesimo ,altre 2,1 miliardi di persone. Dove si trova la verità? Poi i due culti per eccellenza di noi italiani: Il calcio e la disquisizione può essere infinita, e la verità, una chimera assoluta. Infine la politica. I nostri giorni stanno sancendo che la verità pentastellata di essere un movimento post ideologico fu una boutade. Se giudicheremo i partiti senza fede ma con pensiero critico, si potrà raggiungere una verità di parte ma la migliore, se avrà un consenso democratico, anche di maggioranza relativa. A Marsala la fede in M. Grillo ha ricevuto un insieme assoluto, a quando dopo più di 120 giorni la verità? La città attende fatti che rappresentino il vero per la sue esigenze.

Vittorio Alfieri

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui