29.9 C
Marsala
venerdì, Agosto 12, 2022

Marsala, premiati cittadini illustri della città. Peccato aver escluso il Sen. Pietro Pizzo

Must read

Promosse dall’amministrazione Grillo con la collaborazione della Associazione “Strada del Vino” e della direzione del parco Archeologico Lilibeo, si sono svolte, lo scorso 24 giugno a Marsala alcune iniziative a carattere culturale e musicale. Una di queste ha visto insigniti dell’onorificenza di “Cittadino Meritevole” alcune importanti figure della nostra città: il Cavaliere Pietro Alagna delle Cantine Carlo Pellegrino, il dottor Ugo Forti, otorinolaringoiatra tuttora in servizio dopo 70 anni di onorata attività, il Preside Gaspare Li Causi, già amministratore comunale e autore di diverse pubblicazioni nonché l’Ispettore scolastico Elio Piazza, educatore e cultore dell’epopea garibaldina e il preside Gioacchino Aldo Ruggieri, umanista, scrittore e già presidente della Provincia Regionale di Trapani. Tutto meritato, per carità, non vogliamo togliere nulla a nessuno, però non possiamo non dire che molti cittadini si aspettassero di vedere anche il Sen. Pietro Pizzo tra i premiati. L’uomo che ha dedicato la sua vita alla politica, che è riuscito a realizzare importantissime opere nella nostra città. Ne ricordiamo alcune: da Assessore Regionale allo Sport e al Turismo ha dedicato il suo impegno per costruire la Palestra Fortunato Bellina, la Piscina Comunale al coperto, la Pista di Atletica Leggera allo Stadio Comunale, il Palazzetto dello Sport. E ancora: da Assessore Regionale alla Cooperazione ha organizzato negli Stati Uniti un importante e storico incontro tra importatori americani di vino, portando con sé i produttori di vino italiani, molti dei quali marsalesi. E non ultimo, è stato sindaco della città di Marsala. Ebbene, è un vero peccato che un uomo di tale levatura politica come quella di Pietro Pizzo, oggi, in un’occasione importante per la città, non sia stato annoverato tra i “Cittadini meritevoli”. Pensiamo sarebbe stato opportuno e doveroso riconoscere l’impegno di un uomo che a questa città ha dato tutto.

“L’uomo dimentica. Si dice che ciò sia opera del tempo; ma troppe cose buone, e troppe ardue opere, si sogliono attribuire al tempo, cioè a un essere che non esiste. No, quella dimenticanza non è opera del tempo; è opera nostra, che vogliamo dimenticare e dimentichiamo”

(Benedetto Croce, Frammenti di etica, 1922)

Ultimi articoli