33.3 C
Marsala
sabato, Luglio 20, 2024

Mafia, Matteo Messina Denaro: arrestato nipote del boss Bonafede e la moglie

Must read

In manette altri favoreggiatori del boss di Cosa Nostra, Matteo Messina Denaro, arrestato il 16 gennaio scorso dai Carabinieri. Il Ros e i carabinieri di Trapani hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal tribunale di Palermo, su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo, nei confronti del nipote di Messina Denaro, Emanuele Bonafede, e di sua moglie, Lorena Ninfa Lanceri. I due familiari di Messina Denaro sono accusati di favoreggiamento personale e procurata inosservanza di pena, reati aggravati per avere agevolato la mafia. “L’operazione – hanno riferito i Carabinieri – costituisce la prosecuzione dell’indagine che lo scorso 16 gennaio ha consentito al Ros di catturare a Palermo il latitante Matteo Messina Denaro e arrestare il suo accompagnatore Giovanni Salvatore Luppino per procurata inosservanza di pena e favoreggiamento aggravati dalle modalità mafiose; Andrea Bonafede, 60 anni, per partecipazione ad associazione mafiosa; il medico Alfonso Tumbarello per concorso esterno in associazione mafiosa, Andrea Bonafede 53 anni, per procurata inosservanza di pena e favoreggiamento aggravati dalle modalità mafiose e Rosalia Messina Denaro, sorella di Matteo, per partecipazione ad associazione mafiosa”. Secondo le indagini condotte dal Ros, Emanuele Bonafede e la moglie Lorena Ninfa Lanceri (nella foto mentre si avvicina all’auto del boss), hanno aiutato lo storico ex latitante di Cosa Nostra, ospitandolo in via continuativa e per numerosi giorni presso la propria abitazione a Campobello di Mazara, “ove quest’ultimo”, si legge nell’ordinanza “consumava abitualmente i pasti principali ed alla quale poteva accedere ed allontanandosi sottraendosi ai servizi di osservazione della polizia giudiziaria anche grazie alla vigilanza preventiva che costoro effettuavano sulla pubblica via per verificare l’eventuale presenza delle forze dell’ordine o di altre persone, fornendo prolungata assistenza finalizzata al soddisfacimento delle sue esigenze personali ed al mantenimento dello stato di latitanza”. Le dichiarazioni dei coniugi Bonafede-Lanceri, oltre a presentare incompatibilità, si legge ancora nell’ordinanza che oggi li ha portati in carcere: “venivano radicalmente smentite dall’acquisizione dei video registrati da una telecamera di sorveglianza istallata presso un esercizio commerciale sito nell’immediatezza della loro abitazione” che copriva il periodo dalle 20.51 del 7 gennaio alle 21.12 del 23 gennaio 2023, dunque anche i giorni che hanno preceduto la cattura. Dalla visione dei filmati effettuata dalla polizia giudiziaria è emerso che Matteo Messina Denaro, scrive ancora il gip nell’ordinanza, “si era recato ogni giorno presso l’abitazione dei coniugi Bonafede-Lanceri in orari compatibili con la consumazione del pranzo e della cena e si era trattenuto per numerose ore”. L’autovettura in uso al latitante, una Giulietta Alfa Romeo, è stata infatti immortalata nei pressi dell’abitazione.

Ultimi articoli