Castelvetrano, 27 novembre: l’Associazione TeaKanto di Marsala presenta lo spettacolo teatrale “Parto Unico”, scritto e interpretato da Giorgia Di Giovanni, attrice e psicoterapeuta

0
22

Portato in scena nel 2018 in una bellissima versione “corale”, lo spettacolo è tornato alla sua formula originaria di monologo e di happening teatrale per continuare a dare voce a tutte le madri che non si sono mai potute permettere uno spazio di riflessione e ascolto rispettoso delle proprie ferite, vissute nel momento del parto. “Riteniamo che la cura del dialogo tra corpo e psiche – dice la dottoressa Di Giovanni – dovrebbe essere una prassi ormai consolidata, in particolare nell’esperienza del parto: la crescente attenzione alle “ferite” fisiche e psicologiche che la donna può subire e che oggi rientrano nella definizione di “violenza ostetrica”, ci riguarda come donne e come professioniste impegnate per il benessere psicologico. L’esigenza di raccontare questa ed altre storie legate al parto deriva dalla consapevolezza che non è affatto vero che il parto si dimentica, che poi passa tutto…”. La connessione tra l’esperienza del parto e la violenza sulle donne è ormai di interesse internazionale, come si può apprendere dall’Osservatorio sulla Violenza Ostetrica (OVO Italia). Giocando a stuzzicare le emozioni del pubblico, con una chiave drammaturgica visionaria e grottesca, Parto Unico vuole creare un momento di sensibilizzazione all’ascolto della donna che partorisce, mettendo in luce le criticità di un sistema che, non investendo sulla salute, rischia di trascurare il rispetto della persona in un momento di fragilità estrema. E nello stesso tempo vuole invitare ad una riflessione critica sulla capacità della donna di ascoltarsi e farsi ascoltare, sentire il proprio corpo e riconoscere i propri confini. Lo spettacolo è inoltre una delle azioni del Progetto S.E.M.E. (Sessualità Empowerment Maternità Empatia) con cui l’Associazione TeaKanto, insieme alle associazioni Ciatu Meo e Eduverso, ha vinto il bando “Trapani è donna… e Madre” promosso dall’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Trapani. L’evento si è svolto il 25 novembre in una location privilegiata, il Teatro delle Radici, fondato in seguito a un protocollo d’intesa con l’Asp Trapani e il Dipartimento di salute mentale presso la Cittadella della Salute (Casa Santa Erice), concesso dal Direttore artistico Turi D’Anca, che ha apprezzato l’impegno e il valore sociale del progetto. Sempre nell’ambito delle manifestazioni contro la violenza sulle donne lo spettacolo sarà replicato nella città di Castelvetrano, giorno 27 Novembre ore 18:30 presso l’auditorium Ninni Fiore.